Vento di Passioni

Caro Ringhio,
il commento sulla partita e’ secondo me tutto sommato corretto. Quello che stona un pochino sono i singoli commenti ed i relativi voti in quanto fatti in maniera “cattiva” come se avessi subito un torto a livello “personale”.
Contro una buona squadra noi tutti abbiamo fatto un’ottima partita ed infatti il risultato finale diceva questo; se avessimo vinto avremmo preso tutti 7/7,5 con commenti positivi ed invece abbiamo perso oppure se ti va meglio, e come si legge fra le righe, vi ho fatto perdere. Non c’e nessun problema se vuoi mi prendo tutte le mie colpe (a parte la folle reazione che probabilmente hai visto solo tu) visto che in un minuto e mezzo siamo riusciti a dilapidare 9 punti di vantaggio. Ribadisco che i tuoi commenti sono sempre squisiti a parte, ogni tanto qualche sbavatura dovuta secondo me a qualche strascico polemico post partita. Un’ultima osservazione (non giustificazione): ti auguro di fare il prima possibile non un campionato ma basta una partita prendendo le botte che prendo io e poi ci risentiamo visto che in allenamento ci lamentiamo fra di noi spesso per dei piccoli contatti. Scusate del papiro e ci vediamo stasera!!!

Riccardo

Nessun torto personale, però forse hai ragione: un po’ mi rosicava aver perso così e non aver potuto dare in campo quello che pensavo di poter dare. Non a caso avevo chiesto se qualcun altro poteva scrivere l’articolo. Comunque, se questo ha comportato un tono un po’ aspro, me ne scuso. D’altra parte, ognuno ha il suo ruolo e, pur cercando di svolgerlo al meglio, può capitare di fare errori (in campo, dalla panchina o sulle righe si questo blog).
I voti sono il risultato della media tra l’ottima prestazione dei primi 18 minuti e il disastro degli ultimi due: come hai detto tu, bisogna essere proprio farlocchi a buttar via 9 punti in un minuto e mezzo! La colpa non è certo solo della tua espulsione, ma di sicuro questa non ci ha aiutati. E’ vero che prendi un sacco di legnate, ma già dalla scorsa partita ti vedevo nervoso e, per fortuna, non sempre reagisci così. Nei miei giudizi tengo sempre conto di quello che ciascuno può dare, per quello a volte sono stretto con te. Se dovessi dare il voto in maniera obiettiva, dovrei dare a te sempre 10 e 0 a tutti gli altri. Quanto alle botte che mi auguri di prendere (nessuna polemica, so bene che stavi scherzando), ti ricordo che in allenamento io marco Furio 🙂 E ora pensiamo al Conegliano!

Ringhio

Sapevo che questa sconfitta non sarebbe passata sottotono e forse è giusto che sia così.

Grandi prestazioni suscitano sempre grandi passioni…

Anch’io come Riccardo penso che abbiamo fatto una buona partita e che l’abbiamo buttata via negli ultimi minuti finali ma, come non mi stancherò mai di dire, la partita è lo specchio di come ci si è preparati e non solo negli ultimi due allenamenti.

Penso che siamo arrivati impreparati ad un finale con pochi giocatori disponibili e non abbiamo avuto la forza mentale per reagire.

Aggiungo che mi sento molto responsabile per il 2 su 6 ai liberi negli ultimi minuti e sono convinto che avrei potuto chiudere la partita come a Postioma ma non ci sono riuscito.

Comunque i “se” sono tanti e a partita finita è facile parlare e sentenziare.

Ho sempre pensato che se io prendessi tutte le botte che prende Riccardo in partita forse avrei smesso di giocare da diverso tempo. Anche perché molti contatti sono a gioco fermo o dopo il fallo fischiato.

Per quanto riguarda la dipendenza della squadra da Riccardo: è indubbio che avere un giocatore da 24 punti a partita su 55 totali lascia a lui molte responsabilità ma siccome i numeri non sono un’opinione bisogna vedere bene tutte le statistiche. Appena ho un attimo di tempo farò un riassunto di quelle di quest’anno, forse aiuteranno a comprendere meglio certe scelte o valutazioni.

L’unica cosa che posso dire è che le medie individuali non cambiano di molto a seconda di chi è in campo in partita quindi se vogliamo segnare di più l’unica è lavorare per ricevere di più e, sopratutto, alzare le medie al tiro…
…meditate gente, meditate.

Stevo

Ragazzi mi scuso per l’intervento ma vorrei dire la mia dopo la sconfitta sciagurata di domenica scorsa che ancora grida vendetta.
Credo che i commenti di Ringhio vadano presi per quello che sono anche dopo una batosta e credo che i distinguo non vadano bene. Anch’io molto spesso (anche questa volta) non condivido i giudizi dell’Avvocato ma dopo una sconfitta come domenica siamo tutti responsabili dal primo all’ultimo e non dobbiamo trovare delle scuse per salvare le ns. prestazioni singole (purtroppo è già successo anche dopo altre sconfitte meno rocambolesche ma ancor più cocenti). Quando si perde si perde tutti e se c’è da chiarire qualcosa si parla in allenamento. Ognuno di noi deve fare di più (ormai doveva fare di più visto che campionato quasi all’epilogo). C’è chi deve essere meno nervoso (non è la prima espulsione) chi deve prendersi maggiori iniziative (non possono segnare sempre e solo gli stessi), chi deve difendere meglio, ecc
Credo che la partita di Postioma nella quale abbiamo vinto nonostante l’assenza dei ns. big e le scarse forze presenti, sia stata l’esempio positivo di una partita davvero giocata di squadra e da lì dovremo prendere l’esempio.
Buon lavoro a tutti, per chi lavora, per chi no (avrete capito sicuramente chi intendo) buon riposo

Alessio

La Cena del Ringhio

Ebbene sì! Dopo anni di tentativi che siamo sempre riusciti a scampare con abilità e destrezza, ormai i nodi vengono al pettine:

venerdì 11 giugno

il Ringhio ci ospiterà nella sua splendida magione per ripetere il capolavoro di arte culinaria che lo contraddistingue:

il baccalà

baccala.jpg


Tutti sono avvisati e non hanno scampo.

Il ritrovo è previsto alle ore 20.00 presso la palestra di Castagnole.

(prima di essere sommerso da telefonate: sì, è la nostra, dove ci alleniamo 2 volte a settimana da 15 anni…)

Date conferma, o disdetta, direttamente al Ringhio (328 6816910) così può apparecchiare, se saremo in 13 il baccalà si accomoderà con noi a capotavola!

Ciao.

O’ Capitano.

Si ricomincia

Come ogni anno le ferie finiscono e si comincia la preparazione per gettare le fondamenta della nuova stagione sportiva.

Quest’anno iniziamo leggermente in ritardo rispetto al solito, quindi:

 

LUNEDI’ 31 agosto

MERCOLEDI’ 2 settembre

VENERDI’ 4 settembre

presso il campo esterno della palestra di PAESE dalle 20.30 alle 21.30

faremo le consuete sedute di atletica.

Anche la settimana successiva stesse serate con stessi orari e da metà settembre entreremo in palestra.

Appena definito il roster con nuovi arrivi e partenze daremo tutte le notizie.

Ciao

Stevo

Riflessioni di Capitano

Stavo rileggendo il report dell’ultima partita e ho sentito qualche compagno che lo ha commentato e mi sono venute un paio di riflessioni.

Normalmente le avrei tenute per me, ma: sono il capitano, e questo ha i suoi oneri, e poi ho avuto giudizi benevoli.

Innanzi tutto il gioco delle pagelle è bello finchè non diventa uno scontro personale ed i giudizi restano sul generale e lo scherno, che contraddistingue la nostra squadra.

Sinceramente Guido ha una carica agonistica molto estemporanea ma questo non significa che abbia più voglia di vincere deglia altri o che la incanali tutta nella giusta direzione (anche lui ha preso tecnico ed in maniera molto ingenua rispetto a quello di Adriano.)

Questo non per Guido ma per gli altri; ad esempio: il Pizzo ha la stessa espressione sia che stia concludendo con una slovena di 25 anni sia che sia stato beccato dalla stradale per una stroncante multa.
Ma non vuol dire che non ci tenga a vincere ogni partita…

Riccardo non ha giocato una delle sue migliori partite ma affermare che ha giocato per il tabellino non mi sembra giusto. Io stesso ho segnato su palloni che mi ha passato e se aspettiamo di vincere una partita senza i suoi punti…

Chiudo con alcune considerazione sul coach. Vorrei ricordare che Adriano ha delle nozioni di basket giocato e teorico che nessuno di noi potrà mai raggiungere. Poi è inutile continuare a dire di cambiare schemi o difesa quando in campo ci siamo noi che ci perdiamo in un bicchier d’acqua o tiriamo con medie deficitarie.

Sono 10 anni che abbiamo gli stessi schemi e ancora non li facciamo correttamente o, peggio ancora, non capiamo se gli avversari sono a zona o a uomo per 3 azioni di fila.

Quando sento parlare di difesa a uomo mi viene da ridere; io c’ero! ho visto con questi occhi cosa succedeva: gente che guardava l’avversario entrare libero a canestro solo perchè era di un compagno che era stato battuto e quindi non riteneva di doverlo fermare.

O la zona bulgara: tutti stretti in area e da fuori tutti liberi a tirare…

Quindi ragazzi, prima di criticare, ripensate alle vostre tre ultime azioni, in attacco o in difesa, e poi tacete….

Meditate gente, meditate…

Stevo, O’ Capitano

Un Commento

Riceviamo e volentieri pubblichiamo:

dopo due partite a zero punti chi non ci conosce potrebbe pensare che la squadra quest’anno sia più debole di quelle passata, invece no! io chiamerei i nostri due primi incontri l’inizio di una stagione dalle forti tinte e emozioni, infatti in entrambi i casi abbiamo dimostrato di essere una squadra. nella partita contro il belluno ci è solo mancato il colpo da Ko, anche per l’infortuno del Pizzo che ci ha condizionato, il nostro centro boa ha la capacità di attirare su di se i difensori e quindi per noi sotto è più facile farci trovare liberi, poi anche il Satri ha rimediato una botta al piede che lo ha frenato nel momento in cui doveva fare la differenza, sarà per il ritorno, Belluno aspettaci.

Invece ieri sera a Godeca, ci siamo fatti conigli nei primi due quarti, giocando con personalità da ultimi della classe, poi, forse anche per le parole suadenti del nostro allenatore, siamo entrati in campo come delle belve assestate del sangue godeghese. peccato che anche in queste caso le assenze ci hanno condizionato, e poi come al solito noi non siamo baciati dal culo di un tiro da tre al momento giusto. Comunque gli abbiamo fatto tremare il culo quando siamo arrivati a -2 e se per caso non entrava il tiro da tre del 7 erano cazzi per loro, peccato, però anche loro devono venire in casa da noi e se sarò delle partita, un piccolo buffetto sulla guancia del 18 non glielo risparmio, visto che mi ha trafitto il costato, peccato che il fallo antisportivo non era su di lui, ma ho visto che ad un certo punto non mi veniva più sotto. Amico alla prossima.

Finisco aggiungendo che che in difesa, ove posso a volte dire la mia, specialmente sotto, la cattiveria dimostrata nei due quarti finali dovrebbe esserci ad ogni partita. Nessuno deve venire a pestarci i piedi sotto canestro.

Ora buon allenamento a tutti, grazie Capitano, non voleva farti sentire in colpa, il mio era uno sfogo scherzoso, e prometto che i tuoi passaggi smarcanti saranno tutti dei canestri, nonostante con l’età abbia quadrato la mano,forse con l’allenamento riuscirò ad essere più incivo in attacco, anche se le botte rimediate in difesa a volte mi fanno sembrare più un pugile imbolsito che un fluido giocatore di pallacanestro.

Mauro l’Alpino