Sambughè – Pallacanestro Paese 66 a 60

Brutta partita l’altra sera al Palasambughè per i ragazzi di Paese. La palestra è sempre stata ostica per la nostra compagine ed anche stavolta il fattore campo è stato determinante.
Infatti non siamo mai riusciti ad impostare il nostro gioco sia in difesa che in attacco mentre loro, pur con fatica, sono riusciti a mantenere la calma e chiudere la partita.
Inizio con Sambughè che subisce il pressing a tutto campo e prende subito un 10 a 0. Ma Chiereghin prende in mano la situazione e porta al pareggio (17 a 17) sul finire del quarto. Si continua in sostanziale parità con Paese che spinge in difesa ma fatica troppo in attacco.

Il campo è scivoloso ed è difficile partire in palleggio per l’1 contro 1; le medie da fuori sono deficitarie e non riusciamo a chiudere un contropiede. Sambughè perde molti palloni ma Paese non capitalizza. A cinque minuti dalla fine la squadra di casa allunga di 10 punti e Paese non riesce più a recuperare.
Sfida da rivedere in casa con un campo un po’ più “trattabile”.

Pallacanestro Paese: Marcobelli , De Angelis 4, Nordio 11, Saccardo 4, Loreto 1, Nasato n.e., Satriano 19, Galante, Pizzolato 10, Galletti 11, Pratelli, Fornasier.
Tiri da 3: Galletti 1, Satriano 1.

Sambughè: Voltolini 6, Toso 9, Chiereghin 13, Frison 22, Ceron 6, Bertoldo, Voltan 7, Cresca 2, Piva 1.
Tiri da 3: Voltolini 2, Frison 1, Chiereghin 1.

Notizie di un amico.

Il Capitano ha scritto un SMS ad Alessio:

“Ciao. Il campionato è iniziato bene: 3 vinte ed 1 persa. Tu come stai? Facci sapere. Manchi molto a me e a tutta la squadra. Ciao Stevo”

Ed Alessio ha risposto:

“Vi assicuro che vorrei essere in palestra con voi. Ultimamente sono spesso via. Ora sono a Parigi per una fiera. Grazie per le belle parole.”

Le pagelle

Stefano Marcobelli: la caviglia lo distrae e alterna buone giocate ad errori imperdonabili (passaggio all’arbitro…). Sfrutta bene la presenza dei compagni sotto canestro per segnare con continuità dal perimetro. In difesa ha ancora paura di spingere sul piede e gestisce mali i falli.
Giudizio: a corrente alternata.

De Angelis Furio: ha capito che il suo ruolo è dominare l’area e anche se non vede molti palloni crea spazi utili alle penetrazioni. In difesa soffre un po’ i falli sotto canestro: due falli = due canestri validi + tiro libero. Deve stare sempre concentrato per giocare con continuità.
Giudizio: pollo.

Nordio Fabio:la classe c’è tutta ma non è supportata da un fisico adatto. Si muove bene intorno all’area ma una volta finito il fiato (troppo presto) fatica ad arrivare in attacco. Speriamo trovi il tempo per allenarsi con continuità.
Giudizio: polmone bucato.

Saccardo Omar: come sempre determinato ma ancora un po’ timoroso per l’appoggio sulla gamba malconcia. In difesa è un mastino, in attacco picchia gli avversari per trovare spazi. Sta recuperando in fretta.
Giudizio: Enrico Toti.

Bonfiglio Silvio: il maratoneta corre in difesa come una gazzella inseguita dal leone, ma stavolta il predatore è lui. Riesce a dare anche una zampata in attacco con un bel canestro in penetrazione.
Giudizio: ghepardo.

Loreto Alberto: gestisce bene i momenti del pressing avversario e trova delle buone penetrazioni ma è sfortunato nelle conclusioni. In difesa è sempre pungente…così come con gli arbitri che stavolta lasciano correre.
Giudizio: zanzara.

Morosinotto Giuliano: per giocare bene deve trovare il suo furore agonistico che tutti ben conosciamo. Forse soffre un po’ di ansia da prestazione. Quando troverà la calma necessaria sarà ancora la certezza che entra dalla panchina.
Giudizio: agitato

Satriano Riccardo: i trenta punti sono il sigillo per una partita ben giocata sia in attacco che in difesa. Sceglie bene le conclusioni senza togliere spazi per le iniziative dei compagni. In difesa corre e ruba palloni per andare a concludere in contropiede. Rispetto all’anno scorso è un altro giocatore…anzi sembrano due. Ha anche promesso le paste!
Giudizio: MVP

Pizzolato Stefano: torna dall’intervento plastico (ora ha un nasino alla francese) più determinato di prima: in difesa è una torre che svetta, intimorisce gli avversari, tira giù tutti i rimbalzi, passa un pallone disteso a terra. In attacco deve trovare il ritmo giusto per segnare di più ma finché difende così va bene.
Giudizio: intimidatore.

Fornasier Sandro: ha trovato una buona presenza in difesa coronata da un paio di contropiedi importanti. Ancora non del tutto in forma sta recuperando in fretta.
Giudizio: lavori in corso.

Pacelli Alessandro: ancora una prestazione in ombra, forse soffre il cambio di ruolo o l’inizio della preparazione in ritardo. Lasciamogli il tempo di allenarsi con continuità.
Giudizio: confuso.

Coach Zin: si deve arrabbiare più del necessario per gestire i minuti salienti dell’incontro. Trova le parole e le motivazioni giuste quando gli avversari si avvicinano. Ruota tutti gli uomini inventando sempre nuovi quintetti.
Giudizio: carismatico.

Tavolo Samoa Brothers: come sempre una presenza importante in ogni partita casalinga. Con la mole del loro lavoro danno tranquillità a tutta la squadra anche nei momenti più difficili. Con Angelo al suo fianco Paolo ha ritrovato l’autorità di un tempo. Angelo è il dirigente per eccellenza: coccola gli arbitri, controlla gli avversari e riesce anche a dare qualche consiglio ai giocatori.
Giudizio: presidenti nel DNA.

Pallacanestro Paese – Basket Segusino 63 a 58

Partita molto equilibrata fin dalle prime azioni: Paese difende bene ma fatica a trovare il ritmo in attacco; Segusino si affida al tiro dal perimetro.Coach Zin ruota la rosa a sua disposizione e chiude il primo tempo con un vantaggio di 3 punti. Nel terzo quarto Paese prende ancora vantaggio ma nel finale spreca e il Segusino chiude il quarto in parità. Zin scuote i ragazzi che rispondono con una difesa caparbia e determinata a lottare su ogni pallone che sfocia in una serie di contropiedi che fiaccano le speranze del Segusino. Finale con la consueta lotteria dei tiri liberi e un paio di bombe degli ospiti che li avvicinano ma non permettono l’aggancio.

Pallacanestro Paese: Marcobelli 9, De Angelis 4, Nordio 7, Saccardo 2, Bonfiglio 2, Loreto, Morosinotto, Satriano 30, Pizzolato 4, Fornasier 5, Pacelli.
Tiri liberi 12 su 20. Tiri da 3: Marcobelli 3, Satriano 2.

Basket Segusino: Bresolin 16, Stramare 2, Palermo 1, Dorigo 17, De Bortoli 7, Dalla Longa 6, Miotto, Zanella, Persico, Mattioni 9, Morselli.
Tiri liberi 9 su 22. Tiri da 3: Mattioni 3, Dorigo 1, Bresolin 1.

Le Pagelle

Galletti Guido: Ottima difesa e presenza in campo. Rimbalzi e recuperi. Non in buona serata in attacco ma nel complesso in netta crescita rispetto alla prima partita.
Voto: 7

De Angelis Furio: Per evidente conflitto di interessi non posso commentare
Voto: per me 7.

Marcobelli Stefano: Nonostante la caviglia dolorante è tornato il capitano. Ottima partita sia in difesa che in attacco. Ecco finalmente un giovane con un buon futuro (dietro alle spalle?).
Voto: 7,5

Pacelli Alessandro: Lo aspettiamo più magro e scattante. Sappiamo che può dare di più, di meno è difficile.
Voto: 6 di incoraggiamento.

Saccardo Omar: Nuova ginocchiera, vecchio combattente. Rischia di far venire un infarto al ns coach che piu’ volte lo richiama.
Esordisce con un tiro da tre diciamo impreciso, si riscatta con ottime entrate e una buona difesa. Ancora limitato dal ginocchio malandato.
Voto: 6 per la buona volontà.

Loreto Alberto: Difende ed ha il pregio di segnare anche da tre. Nel finale, chiamato a dirigere la squadra durante la caccia all’uomo perde un po’ la bussola.
Voto: 6,5

Morosinotto Giuliano: Entra in campo senza farsi notare. Anonimo ci aspettiamo di più.
Voto: 6 di incoraggiamento

Satriano Riccardo: Cosa dire: a parte qualche bomba sbagliata fa di tutto: segna, difende, recupera palloni. La prossima partita pulirà anche i pavimenti?
Voto: 9

Pizzolato Stefano: il totem sta tornando! Per adesso in difesa. Stoppa, strappa rimbalzi come ai bei tempi e distribuisce assist. Adesso che gli hanno pulito il naso, speriamo , anche che segni.
Voto: 7

Pratelli Mauro: Buona partita, riesce spesso a farsi trovare per ricevere. Purtroppo per un po’ di precipitazione sbaglia qualche canestro facile.
Voto: 6,5

Fornasier Sandro: Serata no! Qualche tiro sbagliato all’inizio lo demotiva. Ingaggia durante tutta la partita una serrata lotta con il canestro…che purtroppo ha vinto.
Voto: 6 di incoraggiamento.

Coach Zin: Ottima gestione del gruppo. Grida contro i cattivi. Lo schema della rimessa dal fondo rischia di non farlo più dornire. Disperato vuole rinunciare al possesso palla quando abbiamo rimesse in attacco.
Voto: 8

Tavolo Samoa Brothers: Paolo: una piovra. Gestisce tempo, falli, referto, sveglia. Tra un po’ cambierà anche i pannolini ai figli più piccoli dei compagni. Sicuramente il migliore in campo.
Cristian: anche se da poco nel gruppo viene a vedere la partita e si offre per aiutare al tavolo. Si vede che è un uomo di basket.
Voto: 9,5

PALLACANESTRO PAESE – FORTITUDO BASKET VEDELAGO 56 a 47

Terza di campionato e seconda vittoria per la nostra squadra (erano anni che non capitava). Partita maschia vinta con una buona difesa soprattutto nel secondo quarto, nonostante non buone medie nel tiro da fuori. A differenza della precedente partita tutta la squadra si e’ maggiormente sacrificata sotto i propri tabelloni non concedendo tanti rimbalzi offensivi agli avversari.

Nell’ultimo quarto si e’ scatenata una “caccia all’uomo” tollerata dagli arbitri, che ha consentito al Vedelago di accorciare il divario.

Nel complesso una ottima vittoria di squadra con in evidenza, come al solito,un grande Satriano realizzatore alla fine di ben 27 punti.

PALLACANESTRO PAESE: Marcobelli 7, De Angelis 3, Saccardo 2, Loreto 5, Morosinotto, Satriano 27, Pizzolato 2, Galletti 5, Pratelli 4, Fornasier 1, Pacelli.

FORTITUDO VEDELAGO: Candita 12, Ceron 2, Morao 8, Simonetto 3, Posocco, Cazzolato 4, Viatori 1, Facaro 9, Cecchetto, Morlin a.